Pignarello - Spumante Passerina Brut Biologico

Translation missing: it.products.product.price.regular_price €15,00
Translation missing: it.products.product.price.sale_price €15,00 Translation missing: it.products.product.price.regular_price

Orgoglio ed Eleganza

E' proprio questo il motto del nostro Pignarello, una bollicina che rappresenta la migliore espressione del nostro territorio e la manifesta con estrema eleganza dal primo impatto al naso dove si percepiscono note di frutti tropicali o di mela golden fino alla sapidità finale che "invita alla beva", chiudendo con una bollicina raffinata che stimola il palato.

  • Consegna stimata:20 Apr - 24 Apr

  • Spedizione e resi gratuiti su tutti gli ordini

Passerina - Il Vitigno

Vitigno a bacca bianca autoctono dell'Italia Centrale, diffuso prevalentemente tra le Marche e l'Abruzzo.

Il colore tipico è il giallo paglierino.

Al naso i profumi variano dalla frutta tropicale agli agrumi mentre al palato colpisce per un'ottima acidità compensata da una sapidità finale molto equilibrata.

Metodo Charmat

Il metodo Charmat (o Martinotti) prevede la fermentazione in massa del vino base in contenitori di acciaio inox sotto pressioni, detti più comunemente autoclavi a temperatura controllata.

Il risultato di questa è l'ottenimento di spumanti freschi e profumat, poiché permette la valorizzazione di aromi e sapori in un periodo molto più breve rispetto al metodo Classico.

Prodotto Biologico

Con il regolamento UE 203/2012 sono state definite le pratiche e i processi di vinificazione del vino biologico, come lo conosciamo oggi, contraddistinto dal simbolo della foglia verde.

Per capire, però, realmente la storia e il significato del "Prodotto Biologico" è necessario fare un salto indietro:

Difatti nella storia dell'agricoltura la coltivazione è sempre stata biologica; dopo il secondo conflitto mondiale, le sostanze chimiche hanno fatto ingresso nei campi con il conseguente aumento della quantità dei prodotti raccolti a discapito della biodiversità.

A partire dagli anni '70 alcuni agricoltori italiani hanno iniziato ad adottare tecniche di coltivazione più rispettose dell'ambiente fino all'emanazione del regolamento europeo che in estrema sintesi stabilisce che la produzione di vino biologico ha l'obiettivo di preservare la naturale fertilità del suolo, nel pieno rispetto delle specie locali, sia vegetali che animali, con un particolare riguardo per gli equilibri dell'ecosistema.