La Nostra Offerta
Falerio:
Pliniano
Vigna Due Pini
Altri bianchi:
Colle Malerbi (Marche Chardonnay IGT)
Majia (Offida Passerina DOC)
Rugiasco (Offida Percorino DOC)
 
 
I Vitigni
Trebbiano toscano dal 20 al 50%, Passerina dal 10 al 30%, Pecorino dal 10 al 30% e possono concorrere, fino ad un massimo del 20%, altri vitigni a bacca bianca non aromatici.
 
Pecorino

 
Trebbiano
Toscano

 
Passerina

 
La Scheda
Resa massima per ha: 130 q.
Resa massimadi uva in vino: 70%
Gradazione alcolica minima: 11,5%
Acidità totale minima: 4,5 per mille
Estratto secco netto minimo: 16 per mille

Caratteristiche organolettiche:
Colore: giallo paglierino più o meno tenue;
Odore: lievemente profumato
Sapore: secco, sapido,  leggermente acidulo.
 
Dove Nasce
Si produce nella provincia di Ascoli Piceno nelle zone idonee alla colutra con esclusione dei terreni in fondovale ed eccessivamente umidi, e quelli ubicati ad una altitudine superiore ai 700m sul livello del mare.
 
IL FALERIO
DEI COLLI ASCOLANI

(DOC)
L
a millenaria storia del Falerio dei Colli Ascolani e' gia' scritta nel nome, tipicamente romano, del vino che deriva dall'antica citta' di Faleria, diventata poi Falerio Picenus e, oggi, Falerone. Il Falerio dei Colli Ascolani, come i resti del teatro, dell'anfiteatro e del tempio romano che ancora si possono ammirare nella citta' di Falerone, rimane la testimonianza vivente della fama che fin dai tempi della Roma Imperiale avevano i vini del Picenum. La zona di produzione definita dalla Doc del Falerio si estende su quasi tutta l'area viticola della provincia di Ascoli Piceno, che dalla fascia collinare sub-appenninica arriva sino al litorale adriatico, fatta esclusione per la zona orientale occupata dai vigneti del Rosso Piceno.
Le colline tra Falerone e Fermo, dove oggi si distendono i vigneti del Falerio, hanno visto il battesimo delle armi del famoso filosofo e oratore romano Cicerone che, a soli 18 anni, partecipo' nelle armate di Pompeo Strabone alla battaglia persa dai romani contro l'esercito piceno. Negli archivi del comune di Fermo si sono trovati cenni al vino di Faleria risalenti al XIII secolo dove si rintracciano le prime testimonianze dell'adozione anche in loco dell'antica tecnica del "vin cotto" che e' sopravvissuta fino ad oggi anche se limitata a piccole produzioni.
Passerina e Pecorino, che entrano nell'uvaggio del Falerio insieme al Trebbiano, vantano una storia secolare. Sono due vitigni di antichissima tradizione e con decisa origine marchigiana.
Il Passerina, qualche ampelografo ha ipotizzato addirittura discendenze dallo Psithia di cui parlo' il poeta latino Virgilio.
Il Pecorino presenta ancora oggi una forte personalita' gustativa che ne fa ingrediente indispensabile per la caratterizzazione dei vini Piceni.

[Scarica pagina per la stampa (PDF)]


Contrada Ciafone , 63 63035 Offida (AP)
tel. 00-39-(0)736-87525 fax. 00-39-(0)736-87239 mobile : 335-7752400 - www.villapigna.com villapigna@villapigna.com